top of page
  • Immagine del redattoreMark Tedesco

La nostra avventura italiana: vivere nel centro storico o no?

PARTE 82: Potrebbe essere interessante condividere come siamo riusciti a vivere in Italia per una parte dell'anno. Pubblicherò alcuni passaggi e ciò che stiamo imparando lungo il percorso.


Ne amiamo ogni minuto e quello che una volta era un sogno è la nostra vita!


Viviamo in Toscana in autunno, poi di nuovo in primavera, e in California per il resto del tempo (in un blog precedente ho spiegato perché viviamo in Italia solo una parte dell'anno).



Esploriamo i vantaggi e le insidie ​​​​di vivere nel centro storico di una città in Italia.


Passo 1: Abbiamo vissuto in Puglia per quasi due anni, affittando un appartamento fuori dal centro storico. Recentemente, poi, abbiamo acquistato una casa nel centro storico del nostro paese nella zona del Monte Amiata.


Cosa ci hanno rivelato finora queste due esperienze?


Passo 2: Il sorteggio del centro storico.


Il fascino di vivere nel centro storico sta nel nome: perché è storico! Molti di noi sognano di poter chiamare casa propria un edificio del XV secolo. Strade tortuose, edifici storici secolari e l'atmosfera unica di vivere in un centro storico attirano i cacciatori di case come mosche verso il miele, e con buona ragione.


Se si cerca l'esperienza unica di far parte del flusso della storia incarnato in antiche strade, vicoli ed edifici in pietra, il centro storico è il posto dove stare.


Passo 3: Differenze tra i centri storici.


Il centro storico della nostra cittadina pugliese era una delle zone più trascurate. Molte case vuote e poche attività commerciali creavano l'atmosfera di una zona trascurata della città, che per noi aveva poca attrazione. Ma a pochi chilometri di distanza c'era un'altra cittadina, Nardò, con un centro storico fantastico e vivace; ci andavamo spesso per sorseggiare un caffè espresso o esplorare le chiese, le strade acciottolate e gli edifici unici.


Pertanto, le condizioni e la vita dei centri storici delle varie città possono differire in modo significativo.


Nella nostra città in Toscana (Arcidosso), il centro storico offre eccellenti viste panoramiche, strade strette e tortuose ed edifici in pietra raccolti sotto l'imponente castello della città. Non esistono limitazioni alla guida (zone ZTL), ma la maggior parte delle strade sono troppo strette per il passaggio di un'auto. La maggior parte dei residenti utilizza la zona come seconda casa poiché il centro storico è tranquillo durante l'inverno.


Ieri siamo stati in un paese vicino qui in Toscana, Santa Fiora. Il centro storico è molto ben tenuto e alcune parti sono raggiungibili in auto, soprattutto la parte inferiore del centro storico. Anche in questo caso molte case sembravano tremare per l'inverno.


Abbiamo visitato altri centri storici fuori stagione, soprattutto nelle città più grandi con una vita più attiva tutto l'anno e residenti a tempo pieno.


Passo 4: Le sfide della vita nel centro storico.



Quando si decide di vivere o non vivere in questo centro storico di una città bisogna considerare tutti gli aspetti, positivi e negativi. Alcune delle sfide che abbiamo incontrato finora:


  • Parcheggio

Anche se nel nostro centro storico non ci sono limitazioni alla circolazione, le strade sono troppo strette per il passaggio di un'auto, quindi dobbiamo trovare parcheggio davanti all'ingresso. Sapevamo che questa situazione si sarebbe presentata, quindi la situazione non ci ha colto di sorpresa. Troviamo sempre parcheggio davanti ad uno dei cancelli della parte storica, e poi sono circa cinque minuti a piedi fino alla casa. Se vivessimo più all’interno del centro storico, il cammino dall’auto a casa sarebbe più impegnativo.

  • Generi alimentari e forniture

Non potendo parcheggiare davanti o vicino alla propria casa è necessario trasportare generi alimentari, acqua in bottiglia e sacchi di pellet (noi abbiamo una stufa a pellet) dall'auto a casa. Abbiamo imparato ad andare spesso al negozio per procurarci provviste per trasportare carichi più leggeri lungo il percorso verso casa nostra invece di aspettare che le necessità domestiche si accumulino. Portare su grandi sacchi di pellet non è mai divertente, ma siamo in forma e, per ora, va bene. Ci è stato detto che pellet e generi alimentari possono essere consegnati a domicilio a pagamento, ma non ne abbiamo ancora sentito il bisogno.

  • Gas/elettricità

In alcuni centri storici, compreso il nostro, non sono presenti i gasdotti. Abbiamo un fornello a gas su un serbatoio di propano sotto il lavandino e tutto il resto funziona con l'elettricità. La conseguenza di ciò è che la nostra elettricità viene costantemente interrotta. Ad esempio, l’interruttore eclettico si attiva se accendiamo il forno mentre facciamo scorrere l’acqua calda o se accendiamo una stufa. A differenza della Puglia, dove avevamo le linee del gas in casa, lo scaldabagno e la stufa funzionavano a gas, quindi non abbiamo mai esaurito i 3 kilowatt assegnati.

La dipendenza esclusivamente dall'elettricità e la perdita costante di energia a causa dell'uso eccessivo erano qualcosa che non ci aspettavamo. I nostri prossimi passi saranno passare ad elettrodomestici a basso consumo, affrontare il problema del riscaldamento nelle case con un basso fabbisogno energetico e richiedere più kilowatt per soddisfare le nostre esigenze immediate.

  • Restrizioni al lavoro esterno

Nel centro storico ci sono più restrizioni sulla modifica di un edificio, soprattutto esternamente, che in altre parti della città. Creare una nuova finestra, cambiare una porta d'ingresso o installare il riscaldamento solare possono essere regolamentati in modo più rigoroso in questo centro storico; tali cambiamenti, infatti, potrebbero non essere affatto possibili. Un buon agente immobiliare è un'ottima fonte di informazioni in questo settore.

  • Raccolta dei rifiuti

In Puglia, la nostra spazzatura veniva raccolta davanti alla nostra porta: Organico un giorno, carta il giorno dopo, e rifiuti misti dopo. Ogni giorno della settimana è stato designato come giorno di ritiro specifico. Nel nostro centro storico non è prevista la raccolta dei rifiuti domestici, ma è necessario depositare i diversi tipi di rifiuti in grandi contenitori nelle vicinanze. Questo può essere una seccatura per alcuni, ma in realtà lo preferiamo. Invece di accumulare rifiuti mentre aspettiamo il giorno specifico del ritiro, li mettiamo semplicemente nel cassonetto designato mentre andiamo in palestra al mattino. Questo può sembrare una seccatura per alcuni, ma per noi funziona meglio.


Passo 5: qual è quello giusto per me?


È impossibile dire se vivere nel centro storico sia adatto a qualcuno oppure no. Dipende da che tipo di esperienza si desidera in Italia, se si possono trasportare provviste avanti e indietro, che tipo di casa si desidera e da un milione di altre domande particolari uniche per ogni persona che cerca di stabilirsi una vita in Italia.


Passo 6: cosa abbiamo imparato.


Abbiamo deciso che il centro storico è il posto che fa per noi perché abbiamo tutte le comodità a cui siamo abituati in California. Eppure, in Italia, vogliamo un’esperienza diversa. Finora, trascinare le provviste su e giù non è un grosso problema; dobbiamo assicurarci che ogni viaggio in macchina conti e che portiamo sempre qualcosa in ogni direzione. Stiamo trovando soluzioni alla mancanza di accesso al gas naturale, soluzioni a basso consumo energetico per il riscaldamento ed elettrodomestici a basso consumo. In questo modo, stiamo arrivando ad adattarci e ad apprezzare la vita all’interno di mura che respirano la storia.


Di più la prossima volta.


Ora in vendita a $ 2,99: il mio libro è "Storie dalla Puglia: due californiani nel sud Italia". Amazon USA:https://www.amazon.com/dp/B0CRKMKPWF?ref_=cm_sw_r_cp_ud_dp_X2WRQ3PTG2ZDD7AVF6GH


Amazon Italy- my book "Lei mi ha sedotto. Una storia d'amore con Roma": https://amzn.eu/d/13nuZCL.


22 visualizzazioni0 commenti

Comentarios

Obtuvo 0 de 5 estrellas.
Aún no hay calificaciones

Agrega una calificación
bottom of page