top of page
  • Immagine del redattoreMark Tedesco

La nostra avventura italiana: I Cavalieri Templari e la Toscana (Monte Amiata)

Aggiornamento: 28 mar

PARTE 83: Potrebbe essere interessante condividere come siamo riusciti a vivere in Italia per una parte dell'anno. Pubblicherò alcuni passaggi e ciò che stiamo imparando lungo il percorso.


Ne amiamo ogni minuto e quello che una volta era un sogno è la nostra vita!


Viviamo in Toscana in autunno, poi di nuovo in primavera, e in California per il resto del tempo (in un blog precedente ho spiegato perché viviamo in Italia solo una parte dell'anno).


Passo 1: Mentre esploriamo le aree in Italia, scopriamo alcune gemme che vale la pena condividere. Alcuni di questi sono noti magneti turistici; altri sono meno conosciuti ma sempre sorprendenti.


Questa settimana esploriamo i Cavalieri Templari nella zona del Monte Amiata in Toscana.


Passo 2: Chi erano i Templari?


I Cavalieri Templari erano un ordine militare del Medio Oriente che seguiva uno stile di vita monastico ed era addestrato al combattimento per proteggere i luoghi cristiani e i pellegrini in Medio Oriente e in altri luoghi. Erano una parte significativa ed elitaria degli eserciti crociati, con quartier generale prima a Gerusalemme e poi ad Acri, vicino ad Haifa in Israele. L'Ordine fu fondato nel 1118 e cessò di funzionare nel 1312.


In realtà furono soppressi, ma questa è un'altra storia.


Passo 3: Storia dei Templari in Toscana


La Toscana era una delle economie più ricche e avanzate della cristianità occidentale, da essa passavano le vie commerciali tra Oriente e Occidente, le vie di pellegrinaggio verso Roma e i porti dell'Adriatico per l'imbarco in Oriente. Dopo aver ricevuto la loro prima donazione in Toscana nel 1138, i Cavalieri Templari costruirono un'imponente rete di case di accoglienza che collegavano le città di Firenze, Siena, Pisa e la costa.


Le rotte verso le colline della Maremma e la costa da Firenze a Poggibonsi e San Gimignano convergevano con quelle da Siena a Frossini, a nord di Massa Marittima.


Sono undici gli edifici templari accertati in Toscana, quattro dei quali si trovano nella Maremma Grossetana: la Chiesa della Misericordia in Grosseto,  Magione of San Salvatore in Grosseto,  Pieve di Santa Cristina  l’Ospedaletto in Rochette Fazio, e la Pieve Santa Mustiola in Sticciano.


Si ritiene che numerosi luoghi della Maremma e della Toscana abbiano un legame con i Templari. Le leggende locali e il simbolismo che ancora oggi è possibile vedere su porte e muri suggeriscono fortemente questa connessione, ma non esistono prove concrete per molti dei siti.


Passo 4: I Templari e la Maremma


L'esatta ubicazione dei Templari in Maremma non è ben documentata in quanto furono esentati dal pagamento delle tasse da Papa Innocenzo II; pertanto la loro presenza non risulta nei documenti amministrativi.


Tuttavia, come sopra accennato, ai Templari possono essere attribuiti diversi simboli lungo le principali vie di comunicazione dell'epoca. Questi simboli fornivano punti di riferimento per i pellegrini, che potevano ricevere il messaggio che erano sicuri, protetti e sulla retta via.


Alcuni dei luoghi della Maremma in cui si possono trovare questi simboli includono: San Rabano in Alberese, San Martino in Magliano, S. Pietro e Paolo in Sovana, il villaggio di Rocchette di Fazio, S. Salvatore in Istia, e Arcidosso.


Passo 5: Simbolismo templare ritrovato nella zona


L'emblema principale dell'Ordine del Tempio era la Croce Patente, che aveva i bracci che si allargavano alle estremità e veniva utilizzata per identificare i membri Templari. La parola "brevetto" deriva dal latino "patentem" che significa allargato. Oltre alla Croce Brevettata, i Templari utilizzavano vari simboli per alludere alla loro missione e al loro credo. Questi simboli si trovano in tutto il paese di Arcidosso e nella sua chiesa parrocchiale.


Passo 6: I Templari e Arcidosso (la nostra città!)


Arcidosso è un villaggio situato sul Monte Amiata legato ai Cavalieri Templari. La cittadina è ricca di simboli frequentemente utilizzati dall'Ordine dei Monaci Soldati.


Intorno all'anno Mille Arcidosso era governata dalla famiglia degli Aldobrandeschi, una delle famiglie più potenti del Medioevo. In quel periodo il territorio maremmano, come gran parte dell'Europa, era pericoloso a causa della presenza di pirati e briganti. Era quindi fondamentale proteggere sia la popolazione che i pellegrini in viaggio verso la Terra Santa.


Per raggiungere questo obiettivo, i Templari furono istituiti per salvaguardare le strade utilizzate dai pellegrini. Inizialmente l'Ordine era composto da pochi cavalieri conosciuti come "Poveri compagni d'armi di Cristo e del Tempio di Salomone". Successivamente l'Ordine dei Templari crebbe e la sua protezione si estese alle principali vie utilizzate dai pellegrini, come la Via Francigena e attraverso la cittadina di Arcidosso.


Passo 7: Caccia ai Simboli Templari ad Arcidosso


Facendo una passeggiata nel borgo di Arcidosso non si possono perdere i misteriosi simboli templari sugli edifici, sul castello e sulle chiese come San Leonardo.


  • Chiesa di San Leonardo


La Chiesa di San Leonardo è situata in una piazza medievale, punto di convergenza di diversi vicoli. Sul lato sinistro della chiesa si trova la canonica sulla quale è esposto lo stemma dell'Abbazia di San Salvatore.


Accanto alla canonica c'era un ostello che un tempo forniva rifugio ai pellegrini. La porta originaria si trova sul lato corto dell'edificio, sotto l'arco. L'arco della porta, anche se tamponato, reca il simbolo dellAgnus Dei (l'agnello con la croce), che rappresenta Cristo.


Sul lato destro della colonna portante del portale d'ingresso della chiesa, all'altezza del volto di una persona, è visibile la croce templare patente.



In un vicolo dietro la chiesa, su una pietra angolare del muro, sotto i fili elettrici, c'è un'iscrizione, ritenuta del XVI secolo, che contiene alcuni simboli alchemici, come un cerchio con un punto, che rappresenta il sole e un triangolo con le punte rivolte verso il basso, che rappresenta l'acqua. Sullo stipite di una finestra, dall'altra parte dello stesso edificio, sono presenti il ​​simbolo di un pesce e una croce patente.


Sembra esserci una convergenza di simboli templari e alchemici ad Arcidosso.



  • Via Talassese e Torre dell'Orologio


Via Talassese è una delle vie principali del paese. Numerosi negozi fiancheggiavano la strada, come indicato dai simboli sugli edifici. Ad esempio, sopra un'antica bottega di fabbro si può vedere un ferro di cavallo. Sull'arco di una finestra di questa strada si vede un cerchio con raggi, simbolo alchemico del sole.


Nel 1200 gli Aldobrandeschi costruirono Porta di Mezzo come ingresso su Via Talassese. Successivamente Porta di Mezzo venne rimaneggiata durante il dominio della Repubblica di Siena con l'aggiunta della torre dell'orologio.


Palazzo Giovannini, dimora di una delle famiglie strettamente legate ai Medici, si trova nei pressi di Porta di Mezzo, o Torre dell'Orologio, lungo Via Talassese. Il portale fu aggiunto a forma di simbolo a punta di diamante per aggiungere prestigio all'importante edificio di questa famiglia.


Un simbolo alchemico particolarmente significativo è riconoscibile nello stemma in pietra posto all'angolo dell'edificio: la stella a sette punte o l'eptagramma.


Un simbolo alchemico particolarmente significativo è riconoscibile nello stemma in pietra posto all'angolo dell'edificio: la stella a sette punte o l'eptagramma.


  • L'eptagramma del Palazzo Giovannini


L'eptagramma rappresenta Venere in cosmologia. Tuttavia, il numero sette è visto anche come il numero della perfezione e il numero della vita, dove la materia incontra lo spirito. È anche il numero alchemico dei sette elementi (aria, fuoco, acqua, terra, vita, luce e magia) e dei sette pianeti (sole, luna, Marte, Mercurio, Giove, Venere e Saturno). Anche il sette è un numero biblico significativo.


Il significato dell'eptagramma qui è ancora in discussione, così come molte altre immagini templari trovate nella zona.


L’intrigante domanda aperta è: perché c’è una convergenza di simboli templari e alchemici in tutta la città di Arcidosso? (Potrebbe essere un ottimo argomento per la tesi di qualcuno!)


Passo 8: Fonti:https://persaperilmondo.com/arcidosso-e-templari/. Enciclopedia della storia del mondo.


Approfondimenti:


Scoprire le prove dell'esistenza dei Cavalieri Templari in Toscana sembra un capitolo uscito direttamente dal "Codice Da Vinci". Tuttavia, l’attenzione qui è più sui fatti storici che sulla finzione.


Indipendentemente dalle proprie convinzioni personali sui Templari, erano un'intrigante società del passato i cui resti esistono ancora oggi e possono essere scoperti da individui curiosi. I loro simboli e la loro eredità continuano a essere ricercati e dibattuti da studiosi e appassionati.


Di più la prossima volta.


Ora in vendita a $ 2,99: il mio libro è ""Storie dalla Puglia: due californiani nel sud Italia."" Amazon USA:https://www.amazon.com/dp/B0CRKMKPWF?ref_=cm_sw_r_cp_ud_dp_X2WRQ3PTG2ZDD7AVF6GH


E inoltre, su Amazon Italia:


54 visualizzazioni0 commenti

Commentaires

Noté 0 étoile sur 5.
Pas encore de note

Ajouter une note
bottom of page