top of page
  • Immagine del redattoreMark Tedesco

La nostra avventura italiana: Trovare amicizia in Italia

Aggiornamento: 22 gen 2023

Come ci siamo trasferiti in Italia. Fare amicizia in Italia


PARTE 25: Potrebbe essere interessante condividere come siamo riusciti a vivere in Italia per una parte dell'anno. Pubblicherò alcuni passi che abbiamo fatto.

Siamo in Puglia fino alla fine di settembre, poi di nuovo in inverno.

Passaggio 1: Quando abbiamo deciso di vivere in Italia, ci siamo resi conto che non ci si sarebbe mai sentiti come a casa a meno che non avessimo sviluppato relazioni significative con altri che chiamano quel posto casa. Venire come turista o chiamare casa in Italia, anche solo per una parte dell'anno, sono due esperienze diverse e richiedono approcci diversi.


Passaggio 2: non esiste una formula per fare amicizia. A volte è una questione di fortuna, interessi condivisi, storia o chimica. Ma voglio condividere alcuni fattori che ci consentono di sviluppare amicizie che qui sono come una famiglia. Questi fattori includono lingua, cultura, apertura e rischio.


Passaggio 3: lingua. Non c'è modo di aggirarlo; sviluppare relazioni significative senza un linguaggio comune è impossibile. E vado oltre: se uno vive in Italia e non impara a parlare ea capire l'italiano, sarà sempre l'outsider, lo straniero, il visitatore.


In un blog precedente, abbiamo esplorato il perché e il come imparare l'italiano, quindi ne ripeterò solo alcuni qui. Imparare la lingua non è solo uno strumento di comunicazione, ma la struttura stessa delle parole e delle frasi può dare una comprensione culturale del mondo diversa da quella che porto con me. Il vantaggio è che imparo a vedere il mondo in modo diverso, giudicare meno e sperimentare di più.


Alcuni di noi faticano ad imparare l'italiano perché cercano di utilizzare un metodo di apprendimento che non funziona per noi. Se sono uno studente visivo, ho bisogno di più che ascoltare i nastri. Se sono uno studente cinestesico, guardare video in italiano non funzionerà. Se non sono uno studente disciplinato, studiare la lingua solo quando sento che non funzionerà. Quindi devo determinare che tipo di studente sono e adottare il metodo appropriato. Per me, anche se è una seccatura, imparo meglio in un ambiente scolastico con scadenze e compiti. Vorrei non essere così, ma è così, e se voglio imparare meglio, trovo un corso da frequentare.


Passaggio 4: Cultura. L'abbiamo visto; forse ce l'abbiamo fatta. Il "brutto americano" (o di un altro paese), che ha una prospettiva culturale e disdegna tutte le altre, lanciando giudizi ovunque.


Devo confessare che ci sono stato. Quando ho vissuto per la prima volta in Italia al college, ricordo di essermi lamentato con i miei amici espatriati americani delle pratiche di fare la spesa in più negozi per acquistare generi alimentari piuttosto che andare semplicemente in un supermercato, come noi. "Risparmierebbe così tanto tempo!" Mi sono lamentato.

Avevo ancora bisogno di consapevolezza culturale per vedere i vantaggi di un modo diverso di acquistare cibo. Avevo 18 anni.


L'aspettativa che altre culture e popoli pensino o facciano le cose nello stesso modo della mia cultura può impedirmi di espandere la mia comprensione del mondo.


Ma come posso diventare più aperto alle differenze culturali? Dopotutto, ho il mio background culturale e non posso farne a meno.


Si riduce all'atteggiamento.

Se credo di sapere sempre meglio (come fare o realizzare qualcosa, per esempio), troverò difficile vivere in un'altra cultura. Ma se adotto l'atteggiamento secondo cui modi diversi di fare le cose (differenze culturali) rendono l'umanità interessante, posso diventare più aperto.


Vivere in un'altra cultura sfida i miei preconcetti e i punti di vista che porto dal mio mondo. Posso imparare a vedere molteplici prospettive su istruzione, valori, ritmo della vita e scadenze. Posso diventare più ricco.


Oppure posso lamentarmi.


La scelta è mia.


Passaggio 5: apertura. "Gli Stati Uniti sono il più grande paese del mondo". Questa frase è un mantra che sentiamo dai politici, e l'ho ascoltata a scuola da quando ero in prima elementare. Spesso siamo educati a vedere il mondo attraverso una lente di superiorità, che può impedirci di essere aperti ad altre prospettive.


Da quando sono un educatore (appena in pensione), ho sempre insegnato storia dal punto di vista del viaggio. "Quando andrai a Roma, vedrai dove è successo... a Parigi, quando andrai, la Bastiglia non esiste più, ma puoi scoprire dove si sono svolti questi eventi..."


Il viaggio può generare comprensione e portare alla saggezza. Se viaggio con apertura, vedo che ci sono molte grandi culture, storie e paesi; questi danno origine a modi diversi di raggiungere lo stesso obiettivo che possono anche essere più efficaci del mio.


La scelta è mia: viaggio per imparare? L'apprendimento richiede apertura. O viaggio per giudicare?


Passaggio 6: Rischio. La direzione della mia vita è cambiata quando ho accettato di prendere un caffè a Roma con qualcuno che non conoscevo. Ho incontrato un uomo romano con interessi simili; davanti a un caffè, si è offerto di mostrarmi una bellissima città fuori Roma. Mi sono seduto lì a pensare: questo è un rischio. Posso andare avanti con la mia giornata e dire educatamente di no. Oppure posso valutare la situazione, essere chiaro sulle aspettative con questa persona e decidere se posso fidarmi di lui.

Dopo questi passaggi, ho avuto una scelta. La scelta comporta dei rischi. Questa volta ho corso questo rischio.


Quello che è successo è che è sbocciata una storia di amicizia; questo primo incontro è avvenuto 13 anni fa e da allora ho stretto altre amicizie con questo amico. Alcuni di loro erano pugliesi.


Con il tempo ho stretto una bellissima relazione in California e anche lui, il mio compagno, è entrato a far parte della nostra amicizia italiana.


Anni dopo, questa serie imprevista di eventi ci ha portato a stabilire la nostra vita in Puglia.


Non sto dicendo di correre rischi irragionevoli e di mettersi in condizione di essere sfruttato. Il buon senso, valutare la situazione e farsi un'idea degli altri sono tutti aspetti coinvolti nel discernere se la fiducia è giustificata. Ma uscire dalla mia zona di comfort può anche espandere i miei orizzonti e la mia esperienza nel mondo.


Approfondimenti: non esiste una formula per fare amicizia con la gente del posto in Italia, ma ciò che ha funzionato per me finora include: lingua, cultura, apertura e rischio. Spero che le nostre amicizie continuino a crescere mentre affondiamo radici in questo bellissimo posto. Dopotutto, alla fine, le relazioni sono ciò che conta di più.


Aspetta il mio libro in uscita il 1° dell'anno: "Storie dalla Puglia: due californiani nel sud Italia". (https://www.bookdepository.com/Stories-from-Puglia-Mark-Tedesco/9781913680640?ref=grid-view&qid=1672597384274&sr=1-1)


Alla prossima volta.







17 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page