top of page
  • Immagine del redattoreMark Tedesco

La nostra avventura italiana: le processioni possono essere fantastiche!

PARTE 38: Potrebbe essere interessante condividere come siamo riusciti a vivere in Italia per una parte dell'anno. Pubblicherò alcuni passi che abbiamo fatto.


Viviamo in Puglia in estate e poi di nuovo in inverno.

Passaggio 1: devo ammettere che mi è sembrata strana la prima volta che ho visto una processione religiosa in Italia. Anche se sono cresciuto e mi identifico ancora come cattolico, la processione più vicina che abbia mai visto è stata la parata del Ringraziamento di Macy. Così, quando ho visto una statua portata per le strade della città in cui vivevo, seguita da persone con incappucciati che sembravano il KKK, agenti di polizia, funzionari, scolari, una banda musicale e, infine, il prete... io non l'ho capito.


Passaggio 2: Nella nostra città in Puglia, così come in tutta Italia e in altri paesi, ci sono processioni religiose durante la Pasqua e altri giorni di santi. La partecipazione è forte da tutte le età e strati della città e dintorni.


Quindi mi sono chiesto il significato di ciò che stavo vedendo.


Passaggio 3: il mio vicino. Poco tempo fa, chiacchierando con il nostro vicino di casa nel nostro paese pugliese, mi ha detto: "Adoro la processione del Venerdì Santo. Non vedo l'ora che arrivi! Ci partecipo fin da piccolo, ed è così bellissimo. Non sono un credente, ma amo questo evento."

Mi ha colpito la parte "non sono un credente".


Perché qualcuno dovrebbe partecipare a una processione religiosa se non risuonasse con la propria esperienza di fede?


Ho riflettuto, chiesto ai miei amici italiani, e poi ho avuto delle realizzazioni.


Passaggio 4: Le processioni religiose probabilmente si sono evolute da figure di divinità onorate nell'impero romano portate per le strade. Dall'impero in poi, e probabilmente anche prima, la processione ebbe origine come espressione del popolo che chiedeva aiuto per tuffarsi.


Invece di abolire questa pratica, i cristiani l'hanno "battezzata", dando alla pratica nuovi contenuti.

La ricerca dell'aiuto divino risuona in molte persone coinvolte nella processione, sia passate che presenti.


Passaggio 5: Realizzazione. Mentre mi trovavo per strada a guardare la statua di Cristo che veniva trasportata e le file di carabinieri, funzionari, scolari e altri, ho guardato i volti degli spettatori dall'altra parte della strada. C'era ogni tipo di persona presente: giovani, anziani e intermedie, professionisti, operai, suore, mamme, papà, credenti, non credenti, buoni, meno buoni e tutti noi.


La cosa sorprendente è che, a una processione, tutti sono i benvenuti. Non ti viene chiesto nulla. Puoi osservare o partecipare o semplicemente essere presente.


La processione è espressione della storia e della cultura di un popolo. Sì, anche della fede religiosa di un popolo, ma non è un requisito. Tutti sono invitati a far parte di quell'evento che segna il Venerdì Santo o un altro giorno di festa per renderlo memorabile, dargli un significato e far parte della comunità.


Passaggio 6: Allora perché una processione in Italia è così bella? Perché ha il significato che ogni partecipante vi porta. Per alcuni è un momento sacro, chiedere aiuto per le immersioni. Per altri, è una continuazione storica. Per altri ancora, è un'esperienza ammirare un'altra cultura da bordo campo. Per tutti, è un'espressione di comunità in cui tutti sono invitati a svolgere un ruolo.


Approfondimenti: più a lungo rimaniamo in Puglia, meno ci sentiamo come l'estraneo che guarda dentro. Anche una processione religiosa, che può sembrare così straniera, può iniziare ad avere significati a cui possiamo relazionarci. Il senso di comunità, la fede, la storia e l'accoglienza sono tutti momenti per cui vale la pena partecipare alle processioni.



Di più la prossima volta.



31 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page