top of page
  • Immagine del redattoreMark Tedesco

La nostra avventura italiana: Gay in Toscana

PARTE 97: Potrebbe essere interessante condividere come siamo riusciti a vivere in Italia per una parte dell'anno. Pubblicherò alcuni passaggi e ciò che stiamo imparando lungo il percorso.


Ne amiamo ogni minuto e quello che una volta era un sogno è la nostra vita!


Viviamo in Toscana in autunno, poi di nuovo in primavera, e in California per il resto del tempo (in un blog precedente ho spiegato perché viviamo in Italia solo una parte dell'anno).


Passo 1: Mentre esploriamo le aree in Italia, stiamo scoprendo alcune gemme che vale la pena condividere. Alcuni di questi sono noti magneti turistici; altri sono meno conosciuti ma sempre sorprendenti.


Questa settimana esploriamo l'essere gay in Toscana. La mentalità qui è di accettazione? Condivideremo alcune delle nostre esperienze.



Alcuni fatti:


Passo 2: un po' di storia

Nel 2004, la Toscana è diventata la prima regione italiana a vietare la discriminazione contro gli omosessuali in settori quali lavoro, istruzione, servizi pubblici e alloggi. La città di Pisa ospitò nel 1979 la prima marcia contro la violenza contro gli omosessuali, conosciuta come Pisa79. A Pistoia è stato eretto il primo monumento in Toscana in memoria delle vittime omosessuali dello sterminio nazista. Il memoriale, situato nel parterre di Piazza San Francesco, è stato inaugurato nel 2015. Questi, e altri, eventi riflettono la cultura inclusiva della regione.


Passo 3: Sono ben oltre le scuse per chi sono o come vivo. Tuttavia, ero anche curioso di sapere quanto fosse aperta la comunità della zona Toscana, dove avevamo intenzione di trasferirci. Dopo aver trascorso due anni in Puglia, dove i gay erano ovunque ed essere gay non era un problema, non eravamo così sicuri di questa parte d'Italia.


Passo 4: É importante non generalizzare; solo perché qualcuno ha un problema con le persone gay o con qualsiasi altro gruppo, non significa che l'intera città o regione la pensi in quel modo. Infatti, se ripenso alle uniche volte in cui sono stato chiamato "frocio" per strada, è successo a New York e Palm Springs! Quindi, un incidente non rappresenta una mentalità, e ho voluto tenerlo a mente mentre abbiamo conosciuto la regione del Monte Amiata in Toscana.


Passo 5: La nostra visita e il nostro agente immobiliare

L'anno scorso, quando stavamo pensando di stabilirci nella zona del Monte Amiata, ho chiesto al nostro agente immobiliare/amico se una coppia gay come noi avrebbe incontrato dei problemi. Sembrava sorpreso e ha risposto: "Siamo nel 21° secolo, non è vero? Nessuno che conosco avrebbe alcun problema al riguardo".


Passo 6: Il nostro sacerdote

È stato durante la prima settimana di vita ad Arcidosso che ho incontrato il nostro prete locale, che supervisiona 3 o 4 chiese locali, inclusa una sulla strada sopra casa nostra. Quando mi sono presentato come californiano, mi ha chiesto se avevo una famiglia: moglie e figli con me. "No, ho un partner", ho risposto. Senza battere ciglio, mi ha chiesto: "Pensi che il tuo partner aiuterebbe a portare la statua durante la processione tra qualche settimana? Sembrate dei ragazzi forti".


Più tardi, lo abbiamo incontrato per strada con un'altra coppia gay in visita da Palm Springs. "Dite loro di trasferirsi qui, e dite anche agli altri vostri amici di trasferirsi qui", ha detto.


Passo 7: La nostra signora della chiesa

Ogni paese ha una signora della chiesa? Noi si. Vive qualche casa più in basso, va in chiesa ogni giorno, visita ogni giorno la tomba del suo defunto marito e si prende sempre del tempo per chiacchierare quando ci incontriamo nel quartiere. Viene alla nostra porta per raccontarci le notizie locali, chiede della ristrutturazione della nostra casa e sembrava triste quando le abbiamo detto che saremmo partiti fino a settembre.


Non sembra che le importi minimamente che siamo una coppia gay.


Passo 8: La vita quotidiana


Interagiamo con molte persone nella nostra comunità, tra cui il nostro agente immobiliare, la sua famiglia e i suoi amici, il nostro appaltatore e i suoi amici, i negozianti locali e altri con cui chattiamo spesso. Nella nostra vita quotidiana qui in Toscana, essere una coppia gay non sembra essere nel radar di nessuno.


Step 9: Discoteche, bar e club

Io e il mio compagno non beviamo molto e abbiamo molta esperienza di vita. Per questo motivo non troviamo più attraente andare in discoteca, nei bar o nei club. È come se fossimo stati lì e l'avessimo fatto. Di conseguenza, non abbiamo cercato questi luoghi, quindi non posso fornire molte informazioni di prima mano su cosa c'è là fuori. In questa fase della nostra vita, preferiamo trascorrere del tempo con gli amici davanti a un buon pasto, fare una bella escursione con un gruppo o fare viaggi con gli amici della nostra zona e della California.


Approfondimenti:

In questo blog, le nostre riflessioni si basano sulle nostre prime esperienze sul Monte Amiata, in Toscana. Finora, essere gay in Toscana è come avere gli occhi verdi in Toscana: la gente sembra non notarlo, o se lo fa, non gli importa. C'è un atteggiamento aperto, che apprezziamo, e che contribuisce a farci sentire a casa qui.


Prometto che tra un anno scriverò un blog di follow-up sullo stesso argomento, basato su più esperienze nel nostro piccolo angolo di paradiso in Toscana.


Di più la prossima volta.


Ora in vendita a $ 2,99: il mio libro è "Storie dalla Puglia: due californiani nel sud Italia". Amazon USA: https://www.amazon.com/dp/B0CRKMKPWF?ref_=cm_sw_r_cp_ud_dp_X2WRQ3PTG2ZDD7AVF6GH


Amazon Italy- my book "Lei mi ha sedotto. Una storia d'amore con Roma": https://amzn.eu/d/13nuZCL.

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Komentáře

Hodnoceno 0 z 5 hvězdiček.
Zatím žádné hodnocení

Přidejte hodnocení
bottom of page