top of page
  • Immagine del redattoreMark Tedesco

La nostra avventura italiana: Esplorando Bari

Aggiornamento: 4 set 2023

PARTE 58: Potrebbe essere interessante condividere come siamo riusciti a vivere in Italia per una parte dell'anno. Pubblicherò alcuni passaggi che abbiamo intrapreso.


Viviamo in Puglia in estate e poi di nuovo in inverno.

Passo 1: Mentre esploriamo le città della Puglia, scopriamo alcune gemme che vale la pena condividere. Alcuni di questi sono noti magneti turistici; altri sono meno conosciuti ma sempre sorprendenti. Questa settimana esploriamo San Nicola a Bari.


Passo 2: La mia prima impressione di Bari è stata dalla stazione ferroviaria mentre andavamo a Lecce. Mentre osservavamo un isolato dopo l’altro di brutti condomini, abbiamo immaginato che forse non valeva la pena visitare la città.


Il nostro amico ha pernottato a Bari e una sera ha esplorato la città. "Come è stato?" noi abbiamo chiesto. "Il centro storico di Lecce è migliore", è stata la sua risposta.


Quindi abbiamo rimandato per un po' il viaggio a Bari.


Ho trascorso 25 anni come insegnante di storia e le storie e la tomba di San Nicola a Bari continuavano a tormentarmi. Quindi, dopo molto ritardo, siamo finalmente saliti in macchina e abbiamo fatto un viaggio di 2 ore fino al centro di Bari.


Ero sicuramente sorpreso.


Passo 3: cosa abbiamo visto.

Abbiamo inserito "Basilica di San Nicola a Bari" in Google Maps, che ci ha portato lungo la costa, con spiagge rocciose ed edifici fatiscenti dall'altro. Le spiagge diventavano più belle man mano che ci avvicinavamo al centro cittadino e gli edifici crescevano in eleganza. Quando ci siamo avvicinati alla zona della Basilica, abbiamo detto "Wow!" ripetutamente. Un bellissimo parco, edifici barocchi sul lungomare e una graziosa passeggiata ci hanno accolto in un mondo diverso da quello vicino ai binari della ferrovia.


Il parcheggio era facile e presto entrammo in un centro storico unico e bellissimo. Il centro storico di Bari sembra più vissuto di quello di Lecce, con strade tortuose, panni stesi, ottimi negozi e caffè. Mentre vagavamo per le strade turistiche e residenziali, siamo rimasti sorpresi da quanto sia bella Bari Centrale. Entrambi abbiamo deciso che è una parte della Puglia "da non perdere", in cui la storia e la cultura del passato traspare dall'architettura e dalle persone.


Dopo aver camminato per il centro storico per circa un'ora, stavo morendo di fame, così ci siamo fermati in una Salumeria, dove ho mangiato il miglior panino che avessi mai mangiato. Pane fresco e croccante, prosciutto stagionato, mozzarella cremosa e un turbinio di salsa di fichi mi hanno fatto desiderare di più.


Ma eravamo qui per uno scopo: volevo vedere la tomba del vero San Nicola.


Passo 4: La chiesa.


La Basilica di San Nicola è relativamente facile da trovare; la città sembra nascere da esso. Ma quando entrammo nella grande piazza e alzammo lo sguardo, fummo sopraffatti dall'incredibile architettura romanica, costruita con grandi blocchi bianchi di pietra calcarea, che svettavano verso il cielo.

La chiesa fu costruita nel XII secolo per ospitare le spoglie di San Nicola. Come arrivò a Bari San Nicola, morto nel 343 d.C. nell'attuale Turchia? La storia breve è che i marinai baresi ne rubarono il corpo, ma la storia più lunga, che ho raccontato nel mio libro (Storie dalla Puglia: due californiani nel sud Italia), è molto più intrigante.


L'interno della chiesa è semplice, in stile romanico sobrio, con un soffitto barocco. Fortunatamente, nel XX secolo, gran parte della copertura barocca fu rimossa per riportare la basilica al suo design originale; fu lasciato al suo posto solo il soffitto ornato, di epoca successiva.


Ho esplorato la chiesa, che trasuda storia, dalle colonne in stile bizantino al soffitto svettante e ai matronei che si affacciano sulla navata centrale. Ad un certo punto mi sono seduto per vivere l'atmosfera da partecipante piuttosto che da turista. Ho notato un prete ortodosso, barbuto e con una lunga veste, che pregava in una zona; qualche fila più in là, ho notato due preti cattolici che recitavano le loro preghiere. La chiesa è meta di pellegrinaggio sia per la chiesa cattolica che per quella ortodossa, San Nicola è ancora oggi un segno di unità.


Mi è piaciuta l'atmosfera sacra della chiesa e mi ha lasciato un senso di pace.


Poi siamo scesi nella tomba sotto l'altare maggiore. Ero ansioso di avvicinarmi a quella zona dove giaceva San Nicola e di toccare in qualche modo il suo spirito. Ma, una volta nell'area della tomba, l'atmosfera turistica mi ha scoraggiato.


Chiacchierare, scattare foto e il caos generale oscuravano la stanza. Ci siamo avvicinati all'altare e abbiamo cercato un'indicazione che fosse lì che giacevano le spoglie di San Nicola, ma non c'era nessun segno o spiegazione da nessuna parte. Ma dalle opere d'arte sopra e sotto l'altare sotterraneo, abbiamo concluso che ci trovavamo di fronte alla tomba di San Nicola.

Rimasi un po' deluso mentre salivo le scale che portavano alla basilica sovrastante. L'atmosfera delle chiacchiere, dei selfie e dei turisti contrastava con il sacro silenzio della chiesa sovrastante. Inoltre, la mancanza di spiegazioni storiche pubblicate nell'area della tomba mi ha fatto chiedere il perché.


Quando siamo tornati alla basilica, mi sono seduto di nuovo per aggrapparmi a quel senso di pace e di storia che era facile provare. Dopo qualche minuto, ho sorriso e ho realizzato che lo spirito di S.Nicola era qui, al piano superiore!


Una volta accesa una candela, siamo partiti per continuare le nostre avventure.


Passo 5: Storie e storia.


Quando scrivo di un'epoca storica o di una persona, voglio assicurarmi di avere dati corretti, quindi faccio molte ricerche prima di esprimere qualsiasi cosa a parole. Ho deciso di concentrarmi sulla storia di San Nicola quando ho scritto il capitolo su Bari nel mio libro sulla Puglia perché si è rivelato un uomo affascinante.

Separare i fatti dalla leggenda può essere difficile quando si scrive narrativa storica, e molte leggende circondano Nicola. Ma alcuni dei punti essenziali emersi dalla mia ricerca includono: proveniva da una famiglia benestante, ha perso i genitori in età relativamente giovane e suo zio, un vescovo, lo ha cresciuto come un figlio. Nicola aveva un'empatia incredibile per le persone in povertà e presto diede via le sue ricchezze e i suoi beni. Seguì le orme di suo zio e divenne una voce importante nel cristianesimo primitivo mentre i cristiani cercavano di comprendere le loro convinzioni fondamentali, dando vita a quello che oggi viene chiamato il Credo niceno.


La compassione e l’empatia di Nicola mi parlano oggi e, mentre lasciavamo la chiesa che contiene le sue spoglie, speravo che avrei imparato a essere un po’ più attento ai bisognosi.


Approfondimenti: le storie possono dare vita a un luogo o a una persona; L’ho imparato dai miei studenti delle scuole superiori quando insegnavo studi sociali. San Nicola è diventato più reale quando abbiamo visitato Bari; la sua vita ora ha un significato che prima non aveva.


Sono così grato che ci siamo presi il tempo per visitare Bari. È assolutamente da vedere".


Di più la prossima volta.


Il mio libro è "Storie dalla Puglia: due californiani nel Sud Italia". Amazon USA:https://www.amazon.com/Stories-Puglia-Californians-Southern-Italia/dp/1913680649.


E inoltre, su Amazon Italia:



12 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page