top of page
  • Immagine del redattoreMark Tedesco

La nostra avventura italiana: La cura di sé in due paesi

PARTE 72: Potrebbe essere interessante condividere come siamo riusciti a vivere in Italia per una parte dell'anno. Pubblicherò alcuni passaggi che abbiamo intrapreso.

Viviamo in Puglia in estate e poi di nuovo in inverno, ma presto passeremo alla primavera/autunno.


Questo blog è un post più personale.


Passaggio 1: cura di sé

Un sano senso di prendermi cura di me stesso era un’abilità che dovevo imparare. Crescere in una situazione familiare difficile mi ha influenzato a prendermi cura degli altri ignorando (in un certo senso) me stesso. Ho portato questo atteggiamento nelle relazioni, ritrovandomi spesso a fare per gli altri quello che loro potrebbero fare per se stessi.

L'esperienza mi ha insegnato che la cura di sé non è egoismo e che la base di un sano amore per gli altri è un amore equilibrato per se stessi. In età adulta, ho gradualmente imparato a occuparmi degli affari miei cercando la mia felicità e permettendo agli altri di perseguire la loro.


Passaggio 2: livelli

La cura di sé ha tre livelli, che comunicavo con i miei educatori quando lavoravo come tutor degli insegnanti.


Questi tre livelli includono quello fisico, emotivo e spirituale.


Esploriamo questi livelli in Puglia e California.



Passaggio 3: fisico.

La cura fisica di sé, per me, si riferisce al mio rapporto con il mio corpo. Il modo in cui mangio, organizzo la mia giornata, faccio attività fisica e scelgo il mio stile di vita fanno tutti parte del mio benessere fisico.


  • Esercizio: avevo circa trent'anni quando ho iniziato ad andare in palestra. La mia motivazione iniziale era la sopravvivenza: mi ammalavo costantemente, assumevo sempre antibiotici e non riuscivo mai a raggiungere un senso di salute stabile. Ero magro, stanco e sfinito per la maggior parte del tempo. Poi sono entrato in palestra, mi sono messo in contatto con le persone giuste, ho preso una decisione e sono rimasto coerente con il mio allenamento negli ultimi tre decenni.

Quando siamo arrivati ​​in Puglia, ero determinato a portare avanti il ​​mio programma di fitness, quindi il giorno dopo il nostro arrivo, abbiamo trovato una palestra locale, abbiamo stabilito un rapporto, ci siamo uniti e siamo diventati parte della nostra famiglia di palestre.


Come affermato in un altro post (Fitness in Puglia), ho dovuto imparare la flessibilità a causa dei diversi orari di apertura e delle modalità di accoglienza degli altri in palestra.

Quando vado in viaggio o viaggio, è più impegnativo andare in palestra per alcuni giorni o una settimana, quindi mi concedo una pausa piuttosto che stressarmi e cerco opportunità per fare escursioni o camminare.


  • Dieta: Quando ho iniziato ad allenarmi, ho preso coscienza di cosa stavo mangiando. Il fast food e il mangiare un boccone dovevano lasciare il posto a qualcosa di più sano, così presto sviluppai una routine alimentare che prevedeva un alto contenuto proteico, molta frutta e verdura e una minima quantità di cibo spazzatura e dolci. Per me questa era una scienza finché non ci siamo trasferiti in Puglia.


Durante il nostro primo soggiorno prolungato in Puglia (stiamo seguendo la regola 90/180), la mia mentalità era che avrei seguito la dieta mediterranea se avessi mangiato quello che mi sentivo mentre ero nel Mediterraneo! Quindi, dopo i nostri primi tre mesi in Italia, al nostro ritorno in California, mi sono reso conto che mangiavo sempre circa il 90% di carboidrati. I dolci a colazione, la pasta a pranzo e la pizza a cena erano ormai un'abitudine. Ma questo non funzionerebbe per uno stile di vita sano. Qualcosa doveva cambiare.

Dato che sono un pensatore visivo, ho bisogno di vedere qualcosa affinché rimanga nella mia mente. Quindi mi sono posto il compito di elaborare la mia dieta su carta. Basandomi sulle abitudini alimentari sane del passato, ho impostato un programma alimentare indipendente da ciò che mi sentivo. Non è un programma rigido ed è aperto a eccezioni. Eppure tra le cose che mi sono venute in mente c'è fare una colazione sana prima di andare a prendere il caffè la mattina (così non mi faccio mancare il cornetto), costruire un rapporto con il nostro macellaio, che sa già che voglio il petto di pollo a fette quando mi vede entrare; pianificare le nostre cene settimanali, che abbiamo mantenuto come pasto principale; integrando ogni giorno tutti gli ottimi prodotti disponibili nella nostra dieta e andando spesso al mercato invece di acquistare prodotti deperibili per l'intera settimana.


Negli ultimi 90 giorni abbiamo mangiato molto più sano grazie ad un po' di pianificazione e attenzione.


Passaggio 4: Emotivo:

Quando penso "emotivo", penso alle relazioni.

Fortunatamente, ho un ottimo partner in una relazione stabile e impegnata che condivide il mio interesse per i viaggi e la curiosità per il mondo.

Ma il lato/bisogni emotivi di un individuo include anche altre relazioni con se stesso, con la propria famiglia e con gli amici. Ne esploreremo un paio.


  • Se stessi. Può sembrare strano dire che ho una relazione con me stesso, ma questa mentalità mi aiuta a guidarmi verso un atteggiamento più sano. Ad esempio, posso essere autocritico, sia che si tratti delle mie azioni, capacità o personalità. È facile per me rimproverarmi per errori, difetti o altro. Ma una domanda che mi aiuta a riformulare il mio pensiero è: "Tratterei i miei migliori amici in questo modo?" Quindi, se faccio cadere un piatto e si frantuma, direi al mio migliore amico quanto è goffo? Allora perché me lo sto dicendo? Se dicessi qualcosa di cui mi pento e mi ripetessi sei mesi dopo quanto sono stupido, chiamerei stupido un amico? Se non fossi abbastanza bravo, abbastanza abile o abbastanza intelligente, chiamerei il mio migliore amico malvagio, stupido o stupido? Allora perché mi sto trattando così?


Quindi, avere un buon rapporto con se stessi significa trattarsi come il proprio migliore amico.


  • Amicizie. Prendersi cura di sé a livello emotivo coinvolge anche gli altri. Significa rendersi conto che esistono diversi tipi di amicizia, che alcune sono per una stagione, altre per tutta la vita e che prevedono sempre la condivisione di sé e non solo delle proprie attività.


Ho alcune amicizie che risalgono a decenni fa, di cui sono incredibilmente grato. Ma devo continuare a coltivare amicizie storiche poiché, come ho esplorato in un altro blog (Migratory Living), un’amicizia non curata può svanire nel tempo. Così, quando siamo in Puglia, nutro le mie amicizie lontane ed evito di mandarmi solo le foto dell'ultima cosa che abbiamo fatto quel giorno.


La nostra vita in Italia è al suo secondo anno, quindi le nostre amicizie locali sono più nuove e in evoluzione. Abbiamo alcune amicizie storiche con alcuni che vivono sia a Roma che in Puglia, e queste sono state fondamentali sia nella nostra decisione di venire in questa parte d'Italia sia nel nostro sentirci a casa qui.

Ma recentemente abbiamo incontrato altri locali, inclusi espatriati, pugliesi di nascita e altri che vivono qui part-time. Abbiamo trovato tutti loro cordiali e aperti all'amicizia.


Ciò che affascina degli espatriati che abbiamo incontrato è che condividiamo tutti la stessa qualità: cerchiamo una vita più grande. Il lavoro dalle 9 alle 5, le commissioni del fine settimana e la routine delle vacanze di due settimane all'anno non funzionano per noi. Vogliamo di più; vogliamo agire e non solo sognare, quindi eccoci qui! Da quando abbiamo iniziato a vivere in Italia, abbiamo incontrato le persone più interessanti e potenziali amici.



Passaggio 5: Spirituale:

Il lato spirituale di ogni individuo sarà diverso, quindi posso solo parlare della mia esperienza.


Prendermi cura del mio lato spirituale si riduce a una parola: gratitudine.


Per natura, sono un pianificatore e un controllore e tendo a non amare l’ignoto. Dopo anni passati a svegliarmi con liste di cose da fare, obiettivi e paure per la giornata, mi sono reso conto che volevo un altro tipo di vita quotidiana, non più governata dalla pianificazione e dalla paura.


Più di dieci anni fa, un amico mi disse: "Faccio una lista della gratitudine. Quando sono stressato o distratto, scrivo dieci cose per cui sono grato; lo faccio ogni giorno per dieci giorni. Alla fine, il mio atteggiamento cambiato. Ti sfido a farlo."


Ho accettato la sfida e, alla fine dei dieci giorni, mi sono ritrovato meno concentrato su ciò che "potrebbe essere" e più su ciò che mi era stato dato.


Ho mantenuto questa pratica oltre i dieci giorni e inizio e finisco ogni giornata con una riflessione su ciò per cui sono grato.


Oltre a questo, ho alcune pratiche spirituali che funzionano per me.


A volte, se mi sento vuoto o esausto, ho bisogno di moltiplicarli; altre volte posso essere più rilassato. Ma sono consapevole del mio spirito, quindi posso fermarmi e prendermi cura di me stesso.

Alcune delle pratiche spirituali che funzionano per me includono salire su una collina da solo (Santa Caterina!), fare una passeggiata tranquilla attraverso il centro storico della nostra città la sera, fermarsi a meditare all'interno di una chiesa vuota, guardare il dipinto di una vita eroica o guardare le stelle e dire "grazie".


Ognuno è diverso. Ho sempre incoraggiato i miei studenti a trovare modi per prendersi cura delle tre componenti della loro personalità.


Approfondimenti: Prendersi cura di sé fisicamente, emotivamente e spiritualmente sono tre componenti su cui ho dovuto lavorare qui in Puglia, ma lo sforzo sta dando i suoi frutti con un senso di pace e gratitudine.


Di più la prossima volta.


Il mio libro è "Storie dalla Puglia: due californiani nel Sud Italia". Amazon USA:https://www.amazon.com/Stories-Puglia-Californians-Southern-Italia/dp/1913680649.




10 visualizzazioni0 commenti

コメント

5つ星のうち0と評価されています。
まだ評価がありません

評価を追加
bottom of page